I consigli e la ricetta per fare le sfince di San Giuseppe

Tra i dolci siciliani della tradizione andiamo a vedere tutti i consigli e i segreti della ricetta per fare a casa le sfince di San Giuseppe, una gustosa frittella ripiena di ricotta e gocce di cioccolato molto diffusa nel palermitano e nel resto dell’isola anche con il nome di spincia, sfinci o sfincia di San Giuseppe.

La sfincia di San Giuseppe insieme agli sfinci di Carnevale e allo sfincione hanno in comune le origini e l’effetto spugna che rimanda al nome di queste tre particolari preparazioni della cucina siciliana. Il nome sfinci infatti deriva dal latino spongia che vuole dire spugna, mentre la prima sfincia si ricollega alla frittella di origini arabe (l’isfang) che presentava sempre il caratteristico effetto “spugna”.

La ricetta e tutti i consigli e i segreti per fare a casa le sfince di San Giuseppe

Tra i riti e le tradizioni per la festa di San Giuseppe in Sicilia non possono mancare i legami con alcune preparazioni tipiche della cucina siciliana. Nel giorno della festa del papà tra i dolci tipici i protagonisti di questa ricorrenza sono le sfince di San Giuseppe (spincia o sfinci), una sorta di bignè di ricotta con una ricetta non molto complicata da realizzare a casa.

Gli ingredienti della ricetta per la realizzazione di circa 30 sfince di San Giuseppe:

  • 250 g di acqua
  • 250 g di farina 00
  • 60 g di strutto o burro
  • 5 uova
  • 5 g di sale
  • un pizzico di bicarbonato
  • olio di arachidi per friggere

Per la farcitura e le decorazioni:

  • 600 g di ricotta di pecora
  • 200 g di zucchero semolato o a velo
  • 50 g di gocce di cioccolato
  • granella di pistacchio, scorze d’arancia e ciliegie candite q.b.

Il primo passaggio della ricetta per fare le sfince di San Giuseppe è quello di setacciare la ricotta di pecora per ottenere una gustosa crema. Dopo aver fatto scolare l’eventuale liquido della ricotta, unite lo zucchero (quello a velo renderà la crema più liscia), schiacciate e mescolate il tutto con una forchetta e con un colino iniziate a setacciarla almeno una volta. Aggiungete le gocce di cioccolato e fate riposare in frigo giusto il tempo di preparare l’impasto.

Per la realizzazione dell’impasto mettete sul fuoco una pentola, aggiungete l’acqua, il sale e il burro (più facile da reperire rispetto allo strutto) e a fiamma moderata mescolate il tutto fino a quando il burro non si sarà sciolto e l’acqua non avrà raggiunto il bollore. Dopo togliete la pentola dal fornello e unite la farina tutta insieme. Riponete la pentola sul fornello e mescolate con un mestolo di legno fino a quando il composto non avrà raggiunto una consistenza quasi solida e non si staccherà dalla pentola (circa 5 minuti).

Fate intiepidire l’impasto lavorandolo con le mani e poi aggiungete un uovo alla volta e un pizzico di bicarbonato. Attenzione, prima di aggiungere un altro uovo assicuratevi che quello precedente sia stato completamente assorbito dal composto. Se avete una planetaria con il gancio a foglia iniziate ad impastare, in caso contrario per realizzare la ricetta delle sfince di San Giuseppe è possibile anche impastare direttamente con le mani.

Alla fine dovete ottenere un impasto cremoso e denso ma non liquido perché durante la frittura non si formerebbe la forma tonda. In tal caso per salvare la vostra preparazione potete aggiungere qualche cucchiaio di farina mescolando il tutto fino a quando l’impasto non sarà meno liquido.

Siamo arrivati al momento della frittura: fate scaldare l’olio di arachidi fino ad una temperatura massima di 160-165° gradi, una volta raggiunta la temperatura dotatevi di un cucchiaio, immergetelo nell’olio caldo e successivamente prendete una cucchiaiata dell’impasto e fatelo scivolare nell’olio.

Dopo pochi secondi noterete che la sfincia inizierà a prendere forma. Un consiglio fondamentale per l’ottima riuscita della ricetta della sfincia di San Giuseppe è quello di girarla continuamente e immergerla nell’olio aiutandovi con un cucchiaio. Continuate così per almeno 10 minuti, dando ogni tanto qualche colpetto che darà un ulteriore effetto spugna al composto.

Quando la sfincia inizierà a dorarsi è il momento di toglierla dal fuoco e di porla ad asciugare su carta assorbente.

Dopo aver fritto con tanta pazienza tutte l’impasto è arrivato il momento di riempire e decorare le sfince con la ricotta attraverso una sac à poche. Fate un buco al centro di una delle sfince è iniziate a riempire (non troppo). Se non avete la sac à poche potete anche solo ricoprire la parte superiore con un cucchiaio. Decorate a piacimento tra granella di pistacchio, scorze d’arancia e ciliegia candita e le sfince di San Giuseppe sono pronte da gustare!

error: